martedì 16 agosto 2011

ZITTI

Non capisco cosa si stiano agitando a che fare certi italiani che vedono togliere diritti e conquiste a destra e a manca quando questi diritti semplicemente non li ha saputi difendere.

Capirei fosse successo un golpe militare, allora leggi speciali, galere, confini, insomma difficile organizzarci e rispondere.
Ma qui è successo che questi sono arrivati portati in trionfo da mezza Italia, hanno fatto tutti i danni che potevano fare e manca poco vedevi l'opposizione che nel frattempo gli chiedeva se avessero bisogno di una chiave a brugola del 13.

Tutto quell'apparato strapagato messo lì a difendere la conquista ad una vita più dignitosa per le classi meno abbienti, il lavoro che cercava faticosamente di seguire il percorso che lo avrebbe portato ad essere qualcosa di più che sfruttamento disumano delle braccia dei poveri, tutto questo questi italiani se lo sono fatto fregare sotto il naso mentre gli facevano vedere tonnellate di tette e culi, sorrisi a trentadue denti di politici ignoranti come una strisciata di merda sul perizoma della Canalis e proclami a scansione ragionata su quanto il settore pubblico sia il Male Assoluto, i comunisti sempre i soliti comunisti e che la crisi non c'è, boh, mah, tanto noi siamo a posto.

Ora siamo in quel posto.

Avrei due paroline da dire a quelli che "i professionisti dell'antibelrlusconismo", che "a criticarlo si fa il suo gioco", e tutto quel codazzo di stampa "indipendente", la Confindustria, la Chiesa, tutta questa melma che ha agevolato senza risparmio il compito del Buffo Omino di Arcore e dei suoi mandanti.

Ora dovete tacere.

E tacerete. Perchè io non ho intenzione di ascoltarvi un secondo di più.
Avete parlato abbastanza, avete bombardato l'Italia per legittimare questa manica di delinquenti e ora vorreste anche insegnarci come se ne esce.

Se si vuole uccidere veramente qualcuno lo si fa prima dentro di sè.
Ed è quando si toglie ogni legittimazione a ciò che si dice e ciò che si fa che questo potere cessa la sua reale efficacia.
Questo potrebbe essere l'ultimo treno per quelli che non si sono mai arresi a questo ventennio infame e vogliono dare un segnale DEFINITIVO alla politica che quello semplicissimo di rimettere intanto un pò di macerie a posto (a cominciare da quelle di L'Aquila) sia sociali che strutturali, perchè c'è una parte di popolo che ha l'ambizione di vivere in un paese civile.

Perso questo treno non so cosa possa succedere.

Forse un'altra volta Veltroni candidato leader del centrosinistra.


6 commenti:

Humani Instrumenta Victus ha detto...

Veltroni leader... piuttosto mi faccio investire dal treno

Inneres Auge ha detto...

L'Aquila eheh. Oggi sono stato nella BAsilica di Collemaggio, dovresti vedere come è stata messa in sicurezza, ha una coprtetura di acciaio, entra una luce pazzesca come a voler indicare un contatto con il "signore". Vicino alla salma di Celestino c'è un mobiletto con due scritte; a sinistra "offerte per la ricostruzione della Basilica", a destra "offerte per Celestino" che da morto chissà cosa deve farci con i soldi

sassicaia molotov ha detto...

@HIV : L'ottimismo non è il mio mestiere. Secondo me ha la faccia di riprovarci. Tra l'altro dice di essere il "segretario dell'opposizione che ha perso meno".

@Inneres: scusa l'ignoranza ma se è Celestino V quello i soldi se li magna pure da morto. Quand'è che il primo politico viene a farvi visita?

fracatz ha detto...

fino a quando il voto della gente che produce vale quanto quello del monaco di clausura o del vecchietto nell'ospizio gestito dalle monache, non vedo cambiamenti di rilievo all'orizzonte.
Sembrerà un paradosso, ma il suffragio universale è la rovina degli tajani, dovrebbero avere il diritto al voto solo coloro che versano contributi previdenziali all'inps o altri enti, escluso i parroci però che vengono stipendiati in base alla normativa vigente dal valoroso bobbolo tajano

Inneres Auge ha detto...

I politici non mancano quando sentono odore di elezioni. Se no viene solo Gianni Letta perché è abruzzese ed è ben voluto da tutti gli altri politici.

Ah qualche mese fa è stato Sgarbi qui e ha proposto di rinunciare alle intercettazioni per ricostruire. No words

sassicaia molotov ha detto...

E Sgarbi non è stato preso per le palle ed appeso al pennone del municipio? Troppo buoni....