mercoledì 3 marzo 2010

AVVERTIMENTI


"Vorrei ringraziare tutti coloro del gruppo - ha concluso Di Girolamo - Non faccio nomi, visto che sono il Lucifero e l'untore. Credo che i colleghi sanno a chi è diretta la mia riconoscenza. Per loro stessa tutela non li chiamo per nome. Vale anche per i colleghi di opposizione con molti dei quali ho lavorato"

Se ci fosse ancora qualche dubbio sul fatto che il Parlamento è attualmente un covo di delinquenti ci ha pensato il signor Di Girolamo a spazzarlo via.
L'applauso finale che gli ha tributato la sua parte politicahahahaha, invece, non mi ha sorpreso affatto.

Ma il punto è un altro. Il punto è che li stiamo ancora a sentire.

Dobbiamo ancora sorborci Cicchitto che davanti ai giochetti coi quali stanno scannandosi fra di loro ed alle solite cialtronate con le quali hanno elevato le regole della politica a postille inutili rispetto ai cazzi propri parla di "accanimento"?
Dobbiamo ancora sorbirci le genialate di una incompetente assoluta, messa a guidare un ministero come quello della Pubblica Istruzione al fine di smantellare del tutto la scuola pubblica facendo più danni possibili?
Dobbiamo ancora sorbirci un cretino integrale come La Russa che davanti a delle palesi e conclamate violazioni delle regole democratiche si dice "pronto a tutto" pur di non farle rispettare?

Pensate che questa gente accetti un verdetto democratico dalle urne che li rimanda a casa senza battere ciglio e scusandosi con gli italiani per le castronerie che hanno dovuto sopportare sotto il loro governo?

Non serviva La Russa a ricordarci che questi delinquenti assassini che applaudono gli uomini delle cosche in Parlamento sono pronti a tutto.
Assassini.
Perché, non è vero?

Non sono forse loro ad avere uomini della P2 (toh, Cicchitto, uno a caso) a dettare l'agenda politica? Non sono loro quelli grazie ai quali per arrivare alla verità sulle stragi di Capaci, Via D'Amelio e Via dei Georgofili fanno il diavolo a quattro ogni volta che il pentolone minaccia di scoperchiarsi? Che forse la strategia della tensione è un'invenzione del Psiup?

Si continuano a riempire le piazze ma mentre il popolo viola le riempie davvero a destra si ritovano in quattro gatti e senza il minimo dubbio di essere in mano ad una banda di cialtroni.
Ma non si vince in piazza.
Si potrebbe vincere se chi deve far rispettare le regole facesse il suo lavoro.
Ad esempio, Napolitano.
Un ministro della Difesa che fa quelle dichiarazioni deve essere preso, convocato al Quirinale e fatto dimettere a calci nei denti.
Napolitano non l'ha fatto.
Un Presidente del Senato che dice di "guardare alla sostanza e non alla forma" va convocato al Quirinale e fatto dimettere a calci nei denti.
Napolitano non l'ha fatto.
Un Presidente del Consiglio che va avanti con l'unico programma di governo a cui realmente tiene, cioè evitare la galera, ed in ragione di questo spara fuoco e fiamme contro il potere giudiziario un giorno sì e l'altro pure, va convocato al Quirinale e informato che le Camere sono sciolte per manifesta incompatibilità del governo con l'ordinamento della democrazia.
Che se la vedano gli italiani.
Ma figuriamoci se Napolitano lo farà.

Tocca ai cittadini.
Un'altra occasione, questa per far presente a quell'ammasso maleodorante di imbelli travestiti da opposizione che il Paese che si è stufato di questo schifo sa benissimo fare a meno di loro.
Del PD, ma anche e soprattutto di tutta la sinistra cosiddetta radicale che in questa situazione per niente allegra continuano a rappresentare il NULLA.
Il PdCI, Rifondazione, SL e tutti quei partiti che parlano di masse con coefficenti dello zerovirgola perché alle masse non sanno più come arrivarci da quando li hanno informati che nemmeno i comunisti hanno più lo stomaco di votarli.
Prima o poi qualcuno dovrà pur chiedersi per quale ragione questi partiti continuano ad esistere.

Il movimento viola potrebbe essere un punto di partenza, ma in questa forma a mio avviso ha già detto quanto andava detto come manifestazione d'intenti. Ora va fatto il secondo passo.

E' solo una piccola indicazione strategica per chi ancora pensa di organizzare una parvenza di opposizione, eh.
Che se stiamo ad aspettare che Bersani ci indichi la direzione del Sol dell'Avvenire rischiamo di ritrovarci tutti sotto la sede del quotidiano della CEI.

(nella foto: un esempio dal basso su come riniziare a far rispettare le comuni regole del vivere civile)

41 commenti:

angie ha detto...

"Pensate che questa gente accetti un verdetto democratico dalle urne che li rimanda a casa senza battere ciglio e scusandosi con gli italiani per le castronerie che hanno dovuto sopportare sotto il loro governo?"

Proprio così: è la stessa cosa che ho pensato anch'io, con terrore!

sassicaia molotov ha detto...

@Angie: eh beh, io l'ho scritto proprio perchè manco io sono tanto tranquillo.....

SCIUSCIA ha detto...

Napolitano fa quello che dici, il giorno dopo tutte le TV parlano di colpo di stato comunista. Non se ne esce. Dio cazzo.

sassicaia molotov ha detto...

L'illusione è che la TV facciano numero. Il movimento che si coalizzerebbe spontaneo intorno all'istituzione del Presidente della Repubblica dovrebbe coalizzare tutti da grillini ai viola al pd e all'udc. Non ne uscirebbero loro. E Napo è il capo delle Forze Armate, nel caso.

Lucien ha detto...

Che siano pronti a tutto si è già visto da un pezzo. A questi piace proprio poco perdere!
L'unico che li ha messi con le spalle al muro due volte adesso fa il consulente per la Cina.

jesup ha detto...

Il fatto è che l'alternativa a loro non esiste.Nel senso che i vertici del pd sono troppo simili a quelli del pdl e non rappresentano l'alternativa a questo sistema.Il maggioritario ha compresso tutto in 2 poli che si assomigliano sempre di più.Per far rinascere una sinistra vera occorreranno anni di processo involutivo de-berlusconizzante,riportare cioè la cultura,la politica,i valori,almeno com'era ai tempi prima di Craxi.Da lui è partito tutto,ma il governo della p2 ce lo ritroviamo oggi.Il problema è che appunto ci vorrano anni per ricostruire un alternativa vera e nel frattempo...?

allelimo ha detto...

Mi scappa un commento, caz... non riesco a tenerlo, jesup puoi mica chiudere gli occhi 5 minuti che così non ti viene uno s-ciopone? :)

Ma tra Berlusconi e [chiunquealtro] non è sempre, non dico meglio, ma almeno meno peggio [chiunquealtro]?
Possibile che invece non siamo stati neanche capaci di tenerci un Prodi, che l'ha battuto due volte su due (!) e non sarà certamente un rivoluzionario comunista (anche se a sentire il PDL...) ma almeno non fa schifo come Berlusconi e i suoi compagni di merende?
Insomma, nel frattempo, mentre si organizza la rivoluzione (...) e visto che tra due parti ci tocca scegliere, non sarebbe più giusto ed utile scegliere il meno peggio?

sassicaia molotov ha detto...

@Allelimo: chiunquealtro chi?Sono 15 anni che Berlusconi governa con l'opposizione che gli mette il tappeto rosso. Nei brevi interregni in cui hanno governato avevano la possibilità di regolamentare l'anomalia del conflitto di interessi e non hanno mosso un dito, hanno isolato la sinistra, hanno appoggiato le peggiori turpitudini in materia di diritto al lavoro, hanno lasciato spaccare l'unità sindacale, spariscono quando c'è da votare autorizzazioni a procedere contro pidiellini in odore di camorra, abbi pazienza ma io c'ho una dignità. Questo non è il meno peggio, questa è una presa per il culo. Questa gente per me è delegittimata a rappresentarmi anche all'assemblea di condominio. Tu dici che intanto Berlusconi governa. Ecco, il come ce lo dobbiamo ricordare tutti, e bene. Perché siamo un popolo de coccio.

jesup ha detto...

A forza di meno peggio siamo ridotti come siamo.Prodi non sarà come Berlusconi,ma ricordo che le peggiori riforme per i lavoratori sono state fatte dai suoi governi(pensioni,precarizzazione,pacchetti welfare ecc...).In politica economica ed estera se guardi quello che hanno fatto (non quello che dicevano di fare),tra bombardare Belgrado(Dalema) e rifinanziare missioni di guerra,non si notano poi enormi differenze tra i governi ulivo e pdl,anzi certi provvedimenti fatti dal cosiddetto centrosinistra,se fatti dal sig.B avrebbero sollevato le piazze.L'ultimo Prodi è stato fatto cadere da quel manigoldo di Mastella,che ora è nel pdl,infatti.Il meno peggio secondo me, ha prodotto come risultato due poli simili e il 20% della gente che non va più a votare perchè non si sente rappresentata da nessuno dei 2

allelimo ha detto...

Ma allora qual è la soluzione? Il sistema bipolare l'abbiamo voluto noi tutti - per quanto mi ricordo eh - e dobbiamo farci i conti fin che c'è.
A me il tanto peggio, tanto meglio non piace. Per nulla.
Perchè tra Berlusconi, La Russa, Giovanardi, Gelmini, Bossi, Maroni, Ghedini e basta lì che vomito, e Prodi, Veltroni, Finocchiaro, Ciampi, Livia Turco, Melandri, almeno i secondi li puoi guardare senza vergognarti troppo di essere loro connazionale.
Poi se ci attrezziamo per la rivoluzione io vengo, ma nel frattempo, se evitiamo che continui a governare il PDL, sono più contento :)

allelimo ha detto...

Oops, ho dimenticato l'avvertenza anti s-ciopone per jesup :)
Mi ero dimenticato anche che sono assolutamente d'accordo con quello che dicevi qui sopra: "non si notano poi enormi differenze tra i governi Ulivo e PDL".
Ma qualche piccola differenza, di dignità, di onestà, c'è. Dovendo scegliere, insisto, meglio quelle piccole differenze che niente.

jesup ha detto...

Contento te...io comunque per il maggioritario votai no e la dignità l'hanno persa già da mo' abbondatemente anche i secondi.

allelimo ha detto...

Non ricordavo i dati, su wikipedia c'è: "18 e 19 aprile 1993 - Leggi Elettorali Senato (Abrogazione della legge elettorale per il Senato per introdurre il sistema maggioritario.)
Votanti: 77,0%
A Favore: 82,7%
Contrari: 17,3%
Direi che l'abbiamo voluto "noi tutti" lo stesso, e dobbiamo farci i conti, volenti o nolenti.

Ma mi piacerebbe capire qual è allora la soluzione: lasciamo Berlusconi al governo, che tanto PDL o PD è la stessa cosa, e nel frattempo noi cosa facciamo concretamente?
(Mi interessa davvero la risposta, eh! Non sto cercando polemiche, sto cercando vie possibili)

sassicaia molotov ha detto...

La soluzione è che sempre più cittadini smettano di dare fiducia a chi continua questo gioco al massacro della politica. Si possono votare liste civiche nate dal basso o partiti minori, oppure non votare proprio, l'importante è che i partiti comincino a guardare le percentuali e preoccuparsi, almeno quelli che vorrebbero proporre un'alternativa. Se la politica attiva si trasferisse gradatamente al di fuori dei partiti il segnale li costringerebbe almeno ad una riflessione. Per questo la mia semplice teoria è intanto di smettere di votarli.Togliere deleghe è togliere potere. Reindividuare i punti aggregativi: la Costituzione e la libertà di espressione. Come hai visto ai Viola è bastato un gruppo facebook per invadere una piazza, il malcontento per aggregare un movimento abbastanza incisivo sono mature. In tutto ciò le ragioni per votare i partiti istituzionali si assottigliano ancora di più. Per quanto mi riguarda loro hanno chiuso.

jesup ha detto...

Allora,con il discorso delle percentuali,il sig.B è al 50% e quindi lo abbiamo voluto tutti?Io no di certo.Faccio i conti col maggioritario e vorrei una riforma elettorale in senso proporzionale.Nel 93 c'era stata tangentopoli e la gente voleva "punire"il sistema dei partiti.Il bombardamento mediatico da destra e sinistra,lo presentò come la panacea di tutti i mali,la semplificazione della politica con la riduzione del numero delle liste(?)e la gente abboccò.Per quanto mi riguarda si può fare politica anche al di fuori delle istituzioni e comunque non voterò mai nè pd nè pdl.

allelimo ha detto...

(...con la netta sensazione di stare camminando su un sottile strato di ghiaccio...)
La democrazia elettorale non è il miglior sistema di governo possibile, però è il meno peggio che ci possiamo permettere.
Quanto sarebbe meglio una bella democrazia ateniese, cioè una bella aristocrazia (governo dei migliori), soprattutto se fossimo noi a decidere chi sono i migliori, o ancora meglio, se fossimo sicuri di farne parte.
Tocca accontentarsi invece - e quindi numeri e percentuali non sono mica una roba secondaria.
Sono andato a controllare, a memoria evidentemente non ricordavo - alle ultime politiche ha vinto la destra con il 47%, la sinistra ha avuto il 38%, altri, bianche etc. il 15% su una percentuale di votanti pari al 78%

Ora, il 47% del 78% mi sembra molto ma molto meno del 82% del 77% - anche se purtroppo una delle regole fondamentali è che chi vince vince, anche se di un solo voto...
Questo per dire che B. lo abbiamo voluto sicuramente molto meno del maggioritario, ma anche che se non abbiamo votato CONTRO non credo che possiamo lamentarci troppo se B. ha vinto...

Poi mi rimane un'altra perplessità, e cioè "togliere deleghe è togliere potere" è vero. Ma per togliere deleghe attraverso l'astensione bisognerebbe arrivare a dichiarare le elezioni nulle - e mi sembra una strada francamente difficilmente realizzabile.
Se no, il non-voto ha come unico risultato concreto di rinunciare a scegliere, lasciando che siano altri a decidere per noi. Spostando inevitabilmente il voto verso destra. Non lo so, non mi sembra una cosa positiva...

sassicaia molotov ha detto...

@Allelimo: E' una questione di educazione storica. Essere una alternativa alle destre così come molti di noi desiderano comporta il far irritare un sacco di gente: un sacco di gente molto potente, tra l'altro.
Quindi conoscendo l'indole dell'italiano medio è necessario che la situazione abbia il suo corso fino in fondo. Adesso a sinistra c'è da ricostruire praticamente da capo sulle macerie lasciate da Veltroni e D'Alema. Quindi seminare. Battere Berlusconi alle prossime politiche con questa opposizione sarebbe inutile, hanno già dimostrato di non essere capaci di affrontare i temi decisivi della nostra vita politica, sono una classe dirigente anche questa vecchia, fuori dal mondo, un accrocchio di comitati d'affari con una linea politica incisiva come la recitazione di Alberto Tomba in "Alex l'ariete"; quello che sta succedendo a livello di opposizione, stante il diritto di ognuno a votare chi vuole, è la riaggregazione spontanea, per ora altre semine capaci di impensierire lorsignori non ne vedo, a parte i soliti baluardi antagonisti.

jesup ha detto...

Caro Allelimo,il meno peggio ha dimostrato di non essere abbastanza tale da meritare di essere votato (per me,naturalmente).Ripeto, alcune delle cose peggiori per la società sono state fatte da governi di cosiddetto centrosinistra.Inoltre è tale la miopia di quella parte politica che l'eventuale vittoria darebbe solo risibili risultati di breve scadenza e governicchi di breve durata.Una vera politica di sinistra,ciò di cui secondo me il paese avrebbe bisogno,comporterebbe un cambiamento radicale della visione di società basata sul neoliberismo/capitalismo selvaggio cioè produrre sempre di più per consumare sempre di più,a scapito dei più deboli e di chi la ricchezza la produce con il proprio lavoro.La logica del profitto inoltre sta portando ad estinzione le risorse e l'equilibrio ecologico del pianeta (fine del petrolio,effetto serra,riscaldamento globale,avvelenamento di aria terra mare..)senza che lorsignori se ne curino più di tanto nè a destra nè a sinistra.Le recenti vicende ci hanno dimostrato quali sono i loro esclusivi interessi:potere,soldi,controllo.E li perseguono anche con l'arroganza di chi si sente intoccabile. Inoltre ormai è tale il rincoglionimento dell'italia berlusconizzata,la povertà culturale,politica,che ci vorranno anni prima di poter pensare diversamente.Nel frattempo dovremmo cercare di creare le condizioni perchè ciò avvenga,cambiare questa classe politica geriatrica,riportare la cultura,il sociale,i valori nella società.E questo si può fare anche fuori dal parlamento,fortunatamente.

allelimo ha detto...

D'accordo sulla ricostruzione dalle macerie e successiva semina, sulla riaggregazione spontanea, anche sui baluardi antagonisti. Ma è una strada lunga, e l'esito positivo mi sembra tutt'altro che certo.
E a me fa paura il "nel frattempo": per questo battere Berlusconi non mi sembra mai inutile.
D'Alema e Veltroni, ok, tutto quello che volete - ma dall'altra parte ci sono La Russa, Maroni, Brunetta, Alfano, Calderoli!
A me sembra un preciso dovere fare in modo che ALMENO QUESTI non ci siano più. Gli altri sono meglio. Di poco. Pochissimo. Però meglio... (credo?)

allelimo ha detto...

Oops, la mia era una risposta a SM, si è incrociato con il commento di jesup che non avevo ancora letto - ora rimedio :)

allelimo ha detto...

jesup: ok, io però continuo a votare contro Berlusconi...
Quando non si può avere il risultato migliore è buona cosa accontentarsi di quello non peggiore - è la teoria del "second best", e non è poi così stupida, a pensarci bene.
Perchè mentre si organizza la rivoluzione futura dobbiamo continuare a vivere qui e adesso - e allora preferisco "risibili risultati di breve scadenza e governicchi di breve durata" a un governo di destra.

Qui siamo a elevato rischio s-ciopone, eh, ma lo dico lo stesso (e evito grassetti e corsivi che non ti piacciono..): "Una vera politica di sinistra,ciò di cui secondo me il paese avrebbe bisogno,comporterebbe un cambiamento radicale della visione di società basata sul neoliberismo/capitalismo selvaggio".
In linea di principio, d'accordo, d'accordissimo. Ma concretamente, ti sembra un obiettivo realistico? Un obiettivo realmente perseguibile con qualche speranza di successo? In questa situazione in cui "ormai è tale il rincoglionimento dell'italia berlusconizzata,la povertà culturale,politica,che ci vorranno anni prima di poter pensare diversamente."?

E mentre "... dovremmo cercare di creare le condizioni perchè ciò avvenga,cambiare questa classe politica geriatrica,riportare la cultura,il sociale,i valori nella società.E questo si può fare anche fuori dal parlamento,fortunatamente" lasciamo la destra al governo? Cioè quelli che ho citato prima, i La Russa e i Brunetta?
Che ti devo dire, speriamo che ci vada bene... ma non è che io ci conti molto :(

sassicaia molotov ha detto...

@Allelimo: ad esempio potrebbe non essere utopico riportare la sinistra in parlamento, e con numeri di un certo rilievo. I movimenti di Grillo, il popolo viola, l'Onda degli studenti, i lavoratori ed i precari che stanno scontando (e pagando) questa crisi, sono tutti soggetti che possono essere protagonisti di un ritorno delle istanze di sinistra nell'agone politico. A fronte dell'ottusità congenita (e dei pochi mezzi) delle segreterie di partito credo che a questo punto sia necessaria la partecipazione. La classe politica della sinistra necessita di un ricambio come e più di quella parlamentare. Quindi innanzitutto togliere il voto al PD ed alla sua politica imbelle, quindi partecipare affinchè intanto la sinistra torni ad avere una voce. Puoi votare Vendola, Rifondazione, Ferrando, Sinistra Critica, hai voglia di partiti. Personalmente prima di tornare a dare il voto a questi qua dovrò fare un ritiro di meditazione zen di qualche settimana, ma credo che un ritorno in massa della sinistra in Parlamento, una sinistra sostanzialmente diversa da quella attuale e rinvigorita dai movimenti, sia il primo passo da fare.

allelimo ha detto...

Ah ok, ma allora dovevi dirlo subito!
Se il tuo obiettivo è rendere Berlusconi papa-imperatore, allora votare i rimasugli di quella sinistra lì è la strada migliore :)
Non avendo neanche il disturbo di doversi recare in parlamento potranno ri-ri-sub-suddividersi all'infinito, senza mai disturbare quelli che intanto comandano... ;)

sassicaia molotov ha detto...

Rileggi: partecipazione.

Dài su, non è difficile.

"Quella sinistra lì" rimane "quella sinistra lì" finchè tutti abbaiano nel proprio cortile.
O votano PD, che è anche peggio.

Se sei capace di dimostrarmi che il miglior alleato di Berlusconi non è chi vota il "meno peggio" son qui.
Al momento i risultati sono che Berlusconi sta facendo il "papa-imperatore" proprio grazie a chi si accontenta.
Non vedere questa cosa è l'aspetto più preoccupante della faccenda.

allelimo ha detto...

Ma guarda, seriamente, mi sembra che il motivo per cui Berlusconi fa quello che gli pare sia che le ultime elezioni le ha vinte lui.
Alle ultime elezioni c'erano due "veri"candidati, lui e Veltroni.
Se ha vinto lui, ci sono a mio parere due colpevoli:
1. chi gli ha dato il voto direttamente
2. chi non ha dato il voto al suo avversario
Il concorso di queste due componenti ha fatto vincere le elezioni a Berlusconi. Non chi ha votato l'opposizione (scarsa fin che vuoi etc.)
Anche non vedere questo mi sembra preoccupante.

Poi il mio commento precedente era chiaramente scherzoso, il tuo rispondere con fare accondiscendente, come se stessi parlando a un cretino ("Rileggi: partecipazione. Dài su, non è difficile") mi sembra inutilmente offensivo. Mah, avrò capito male. O forse sono cretino, e allora hai ragione tu.

jesup ha detto...

Il problema ormai non è berlusconi in sè,che prima o poi cadrà,schiacciato dalla sua melma o dall'età, quanto il berlusconismo che ha contagiato tutti,anche questa PseuDosinistra che ne scimmiotta comportamenti e culture.Infatti lui ha fatto come cazzo gli pareva anche quando governava l'ulivo.Anzi mediaset andava anche meglio.Berlusconi finirà o perderà ma il 60%degli italiani che la pensano simile a lui rimarranno,rimarrà questa povertà di valori e questa poltiglia politica e questi sono il vero problema.

sassicaia molotov ha detto...

I colpevoli sono:
1) Chi ha dato il voto a Berlusconi
2) Chi ha dato il voto a Veltroni

Il perchè è presto detto:

1) dov'è la legge sul conflitto d'interessi che dovrebbe riportare la vita democratica su standard accettabili?
2) Perchè Veltroni ha isolato la sinistra andando a cercare il consenso tra cattolici, imprenditori e soggetti che con la base dell'elettorato non c'entrano una cippa?
3) Perchè su NESSUNA delle tematiche proposte su etica, ricerca e scienza non hanno MAI saputo prendere una posizione coerente?
4) Perchè quando c'è da tendere una mano (vedi votazione Cosentino) alla delinquenziale maggioranza sono più pronti di un maggiordomo?

Per il commento, abbi pazienza.
Se rispondi come se non avessi minimamente letto il significato di quello che uno ti comunica il dovere civico mi impone di tornarci su. Mica è supponenza.

allelimo ha detto...

Abbi pazienza tu eh - io ho letto quello che hai scritto, poi se la penso diversamente che devo fare? Cerco di esprimere le mie idee - cretine, d'accordo - perchè penso che dal dialogo possa sempre nascere qualcosa di positivo.
Ma essendo cretino, evidentemente mi sbaglio, e se cerco di dire qualcosa che tu non condividi esattamente al 100% mi prendo pure gli insulti. Vabbè. Una volta 'sti atteggiamenti qui si chiamavano fascisti, saranno cambiati i tempi. E' che quando sento qualcuno dire "che rabbia questi fascisti violenti, li ammazzerei tutti" mi scappa ancora da ridere.
Buone mattonate occipitali :)

jesup ha detto...

Vedi Allelimo,qui siamo persone rispettose e tolleranti.Non è l'opinione diversa che disturba ma sembra,dico sembra,che tu interpreti a modo tuo quanto scritto dagli altri,estraendo frasi dal contesto,tuttavia non intuendo il concetto principale di quanto espresso.Infatti nei commenti successivi ripeti gli stessi quesiti che hai espresso prima,ed ecco che uno si anima un po'a ripetere lo stesso concetto più volte.Non sembra di fare chiarezza ma di dover ripetere la stessa cosa.Quello che poi sembra polemica fine a se stessa,non comunicazione.(Sorvolo poi sulle battute su di me che mi hanno anche divertito).Che poi tu rimanga della tua idea è pienamente legittimo,ci mancherebbe.lo scritto poi non aiuta il dialogo perchè manca la comunicazione fisica.Inoltre mi sembra un comportamento un tantino permaloso e vittimista,il tuo.Il paragone con i comportamenti fascisti,per favore,lasciali stare dove sono,agli antipodi di questo blog

allelimo ha detto...

jesup: esatto, hai ragione tu - non intuisco il concetto principale (cioè che avete ragione tu e sm) e ripeto gli stessi quesiti fino alla (giusta) noia degli interlocutori, che a quel punto sono autorizzati a trattarmi da cretino. E se oso dire qualcosa sono pure polemico, permaloso e vittimista, ok :)
Le battute non erano su di te, volevano essere un tentativo di scherzare insieme a te visto come era finita la precedente discussione tra di noi. Scusa mi sono scappati i due grassetti... :)
I comportamenti fascisti sono così agli antipodi di questo blog, che come tutti gli opposti, a volte si toccano, eh...
Poi la cosa fantastica, se ci pensate, è che entrambi vorremmo non vedere più la destra al governo, ma riusciamo già fra di noi a non essere d'accordo su come toglierla di lì - credo proprio che ci rimarrà per sempre...

jesup ha detto...

Mai detto di avere ragione, mai detto che sei cretino,ma un po' permaloso si,dai,o devo citarti anch'io quello che hai scritto.Io ho solo un pregiudizio da cui non prescindo:il fascismo (in tutte le salse),per cui ti chiedo di non accomunarmi con tale aberrazione con la scusa degli opposti estremismi

sassicaia molotov ha detto...

@Allelimo: facciamo così: ti diamo carta bianca e tu ci vai a togliere la destra dal governo. Se non ci riesci si va noi e ci paghi una cena dal Novelli a tutti e due. Mi sembra equo.

allelimo ha detto...

sm: mai detto di essere in grado di farlo da solo, mi sembra...
Poi non so chi o cosa sia il Novelli, a occhio direi un ristorante costoso?
Per me si può fare, però putacaso non ci riusciste neppure voi, poi tocca a voi pagare a me due cene. Così mi sembra equo... :)

jesup: vogliamo definire cos'è il fascismo? Per me è fondamentalmente intolleranza e violenza. Citami pure una mia frase intollerante e violenta - e vedi un po' se ce ne sono state da parte di chi invece si auto-definisce rispettoso e tollerante...

Poi tu sei bravissimo nel mettere le persone nell'impossibilità di risponderti: dici di non aver mai detto che io sono cretino, per risponderti dovrei citarti la frase in cui me l'hai detto, ma se lo faccio hai già messo le mani avanti dicendo che io cito frasi estrapolandone il senso e senza capire il concetto principale espresso :)
E naturalmente tutto l'ultimo paragrafo, contenendo citazioni sia pure indirette, rientra già nel discorso della estrapolazione senza intuizione del concetto principale, quindi è inutile... :)

sassicaia molotov ha detto...

@Allelimo: il Novelli costa un branco di soldi, però si mangia bene.
Non hai detto frasi intolleranti e violente, hai detto delle frasi opinabili, come del resto le nostre.
D'altra parte mi sembra che la tesi a sostegno del "meno peggio" proprio in queste ore stia avendo una picconata definitiva visti gli sviluppi del caos liste.
La mia tesi secondo la quale occorre una fulminea riaggregazione di tutte le forze d'opposizione di sinistra e POI di avviare subito una durissima fase di scontro sociale comincia a sembrarmi non solo necessaria ma doverosa.
Naturalmente buon per chi la pensa diversamente, ma gli effetti parlano da soli, mica per altro.

jesup ha detto...

Tu personalizzi il dibattito,dal parlare di concetti di politica, la butti sul personale quindi concludo,per stanchezza:
1)cita cosa ti pare,posso io criticare il fatto che tu citi le mie parole isolandole dal contesto?
2)Non posso e non voglio mettere le persone nell'impossibilità di rispondermi,il fatto che tu continui a farlo mi pare evidente del contrario
3)La maggior parte dei tuoi commenti riguarda il fatto di come gli altri che non la pensano come te ti trattino male, quindi ripeto sposti il tema su come siamo cattivi,di quanto sei vittima di presunti fascismi e violenze.
4)Invece te puoi usare tutto il sarcasmo che vuoi motivando il fatto che metti i sorrisini in fondo :)
Ergo a mio modesto avviso,le tue sono polemiche fine a se stesse che però puoi continuare comunque a fare,senza di me perchè mi hai sinceramente stancato con questi battibecchi da asilo.Rispetto le tue idee che puoi esprimere come vuoi, dove vuoi,ma ti consiglierei di spostare l'attenzione sul concetto anzichè su come gli altri siano così cattivoni con te.Addio

allelimo ha detto...

jesup: bene, siamo in due a essere stanchi - mi sembri in evidente malafede in tutto quello che scrivi - oppure sei proprio stupido, ma non credo. Non ti interessa avere una discussione con me, ok, me ne farò una ragione: rimani pure nel tuo mondo incantato in cui tutti sono d'accordo con te.

sm: lasciamo stare, mi sono un po' rotto i coglioni. Il buon jesup continua tranquillamente a insultare invece di rispondere, e se non mi prendo gli insulti stando zitto sono pure permaloso.
Non siete interessati a opinioni diverse, va bene. I miei sono "battibecchi da asilo", va bene. La prossima volta che mi scappa un commento sarà senz'altro del tipo "bella lì, sono completamente d'accordo con voi", saremo tutti felici e un pelino più fascisti dentro.
Senza sorrisino finale, che anche quello disturba, boh...

jesup ha detto...

O hai dei grossi problemi o sei un poveraccio che fa il provocatore nei blog.Mi fai ridere con la tua coda di paglia lo sai?Non fai altro che provocare,fare la vittima,dirmi che sono stupido,in malafede,lanci il sasso e ritiri la mano.E dici che sono io che ti offendo mio caro cicciobello.Ma li leggi veramente i commenti o leggi solo la frase che citi?Quando mai ti ho offesso piccolino mio, ti ho fatto tanta bua poverino...

allelimo ha detto...

No scusa, ho sbagliato, non è malafede: sei proprio stupido. Chi non è d'accordo con te provoca. Mai conosciuto nessuno così fascista dentro come te.
Eja eja alalà.

jesup ha detto...

E il budello di tu ma, ciccio bello.Quando vuoi,dove sto lo sai,ora che mi hai dato anche del fascista, ti vorrei proprio incontrare,bello il mio piccolino.Quando ti pare topino,se non ti ho gia fatto troppo male con le mie paroline cattive,poverino.Sei un buffone,pagliaccietto mi piacerebbe farti due carezzine per farti passare la bua,però.

Roby Bulgaro ha detto...

Caro sassicaia. Tutto giusto. Ma Napolitano ha di che nascondere agli Italiani? Penso di si. Ho letto di rapporti giovanili che non convincono, che portano a pensare ad un debito col berlusca. Non linko nulla, che è tardi, ma in rete si trova. 'Notte.

sassicaia molotov ha detto...

@Roby Bulgaro: http://www.senzasoste.it/politica/quando-napolitano-prendeva-i-soldi-da-berlusconi

non erano tanto giovanili, ma tant'è.