domenica 21 marzo 2010

LA PIAZZA E LA PAURA


C'ero anch'io a manifestare, oggi.
Mica per altro, 2000 persone (io, il Tore e Massi il bimbo della Egle secondo la questura) a brontolare contro il rigassificatore OLT. Che non sarà questa manifestazione a fermare.
Così come la manifestazione di sabato scorso del popolo viola non fermerà la banda di delinquenti al governo, così come la manifestazione di Libera oggi a Milano non fermerà le mafie e così come la manifestazione contro la privatizzazione dell'acqua non fermerà i piani di chi ha deciso diversamente.
Cioè, sono andato ad una manifestazione ben sapendo di quanto ormai le manifestazioni, TUTTE le manifestazioni siano inutili. Pleonastiche. Vane. Buone solo per i fotografi della questura per individuare soggetti da individuare.
Levatevi dalla testa che una manifestazione di massa riesca a spostare uno solo ed in maniera anche infinitesimale gli equilibri che sono decisi altrove, da gente il cui mandato riscosso grazie a qualche punto di percentuale li fa sentire legittimati a fare il cazzo che gli pare senza se e senza ma.

Dimostratemi che non è così se ne siete capaci.
E non lo siete.
Lo so.

Quanto alla manifestazione del PdL di oggi il mio interesse per cosa avessero da dire o da fare da quelle parti è scandalosamente vicino allo zero.
Quella gente - un milionehehehehehe, lo ha detto Berlusconi il giorno prima - non deve raccontarmi niente, non ha da dirmi niente, non mi serve a niente, non ha titolo per relazionarsi con me in niente e per niente.
Non me ne batte il cazzo delle loro individualità, delle loro storie e dei loro propositi se poi tutto quello che sanno esprimere è andare in piazza perché chiamati da uno come Berlusconi.
Non me ne batte il cazzo di 150.000 pezzi di merda - tanti sembra fossero in realtà. Se per davvero fosse passato un bombardiere iraniano ed avesse sganciato tanto fosforo bianco da lasciare in Piazza San Giovanni una manciata di calzini puzzolenti sarei stato fra quelli che ci avrebbe brindato su.
E non me ne fotte un cazzo se qualcuno dice che così semino odio. Mica faccio parte del Partito dell'Amore, io. L'unica cosa che so che il LORO amore non è quello che io chiamo amore.
E un dato di fatto è comunque certo. Le manifestazioni di piazza hanno fatto il loro tempo.

Servono solo per dati statistici da dare in pasto ai media i quali poi li rileggono come cazzo gli pare. Anzi, mi spingerei ancora più in là. Sono sostanzialmente dannose. Perchè non danno mai un'esatta misura del malcontento che vorrebbero rappresentare; un pò perchè tanti cittadini che brontolano e si incazzano vengono poi risucchiati dall'indolenza e dalla postura homersimpsoniana dell'italiota medio, un pò perchè queste tranquille, festose e gioviali manifestazioni di piazza al potere fanno lo stesso effetto - come si dice da queste parti - del cazzo alle vecchie.

Cosa si dovrebbe fare.
Pensateci un secondo.
Il potere di questo esecutivo deriva da una semplice arma: la paura.
Paura delle tasse, paura dello straniero, paura dei comunisti, paura dei magistrati, paura, paura e ancora paura.

Ecco, sarebbe il caso di cominciare a ritornargliene un pò indietro.
Cominciare a fargli sentire la paura.
Paura di perdere quelle poltrone, e anche qualcos'altro.
Ma che dico paura, terrore.
Il Popolo Sovrano che riprende il suo scettro. Questo è quello che gli incuterà il Terrore.
Non 200.000 volenterosi vestiti di viola.
Dobbiamo rimandare la paura al destinatario, altrimenti non leveremo le gambe da questa pagliacciata italiana che, a questo punto, ha sinceramente stufato.
Dobbiamo farli sentire in pericolo. Dobbiamo ricordargli quanto sia caduca la brama di potere di fronte ad altre e più alte manifestazioni della volontà.
Ad ogni costo e con ogni mezzo.
Comunque ecco alcune foto che ho scattato oggi:







Il delfino mascotte della manifestazione durante la concentrazione davanti al Comune.




C'erano anche loro, a ricordare la strage di Viareggio.



Dal fondo del corteo, covo dei facinorosi.



A metà corteo.



Ugo, un boxer albino deluso dal fatto di non aver trovato 4 gatti come gli avevano promesso.

18 commenti:

angie ha detto...

"lo stesso effetto del cazzo alle vecchie" lo trovo un po' datato, come termine di paragone: se il cazzo è giovane, serve!
ma a parte queste mie considerazioni da minchiona, che dire? ultimamente alle manifestazioni sono sempre più "sciolta": sì, da una parte, l'aggregazione dovrebbe servire ad unire le forze, ma dall'altra produce proprio l'effetto contrario...
comunque hai ragione: instillando paura il potere ti può tenere legato, col fatto che ti racconta che ti deve proteggere dalla minaccia (per esempio dallo straniero che ti toglie il posto di lavoro, quando invece si guarda bene dal controllare chi sfrutta, col ricatto, sottopagando... prendersela coi padroni? adesso ci sarà l'arbitro!);
ci trattano da cerebrolesi incapaci di conoscere: ci fanno credere di essere liberi nel possedere sempre più cose - e che ci vengono regalate - e se non ti fai sedare, giù mazzate!

p.s.: ma a chi sparano quei cinque deficienti? (sotto al titolo)

Harmonica ha detto...

Cittadini, vorreste una rivoluzione senza rivoluzione?
(Maximilian De Robespierre)

povero Ugo...

jesup ha detto...

Non sono completamente d'accordo sull'inutilità delle manifestazioni (e non lo sei neanche tu,sennò non saresti venuto :))Nel 2002 a Roma eravamo più di 2 milioni e riuscimmo a fermare,temporaneamente,lo scippo dell'art 18 dello statuto dei lavoratori,per esempio.Cosa che poi è riuscita oggi a questo governo,aggirando l'ostacolo,nell'indifferenza generale.Nessuno ha promosso manifestazioni,nessuno ha gridato allo scandalo,a parte i soliti 2 gatti comunisti(quelli veri).Forse questa norma sotto sotto è timidamente gradita anche ai sindacati confederali?Le manifestazioni sono importanti,dopo vanno tradotte in agire politico altrimenti rimangono fine a se stesse

sassicaia molotov ha detto...

@Jesup: lo scippo è riuscito grazie ai Bonanni ed agli Angeletti ed ai loro sindacati venduti a questo governo. Forse nel 2002 c'era ancora un senso, forse dico. Oggi c'è una CGIL in ginocchio ed una disgregazione nel mondo del lavoro alla quale la sinistra non sa come reagire.
Questo è il punto.
Ho estremizzato il concetto ma sono molto, molto disilluso.

sassicaia molotov ha detto...

@Angie: è un fotomontaggio, almeno spero ;-) e riguarda la stupidità dei cacciatori. Che non fa mai male ricordare.

Spillo ha detto...

"Le manifestazioni sono importanti,dopo vanno tradotte in agire politico altrimenti rimangono fine a se stesse" : sono completamente d'accordo.
(E questa è la parte teorica - propongo Jesup come novello carlomarchisse)

"Cominciare a fargli sentire la paura.[...]Ma che dico paura, terrore.
Il Popolo Sovrano che riprende il suo scettro. Questo è quello che gli incuterà il Terrore.": ri-sono completamente d'accordo. (E questa è la parte pragmatica - saxi, ti va bene il ruolo di zio lenin?).

C'è bisogno di aggiungere qualche cos'altro?

P.S: c'ero anch'io, ma non ci siamo incrociati. Eppure, con una bici GIALLA credevo di essere abbastanza visibile... :PPP

Stefania248 ha detto...

Beh, forse qualche tifoso potrebbe insorgere se gli togli il calcio!
Comunque sia, siamo nella cacca.
:(

sassicaia molotov ha detto...

@Spillo: Hai fatto la gnorri, abbiamo imperversato per tutto il corteo e c'era Elga con un bomber di peluche rosa visibile da Antignano. Pensa che per vedere se ti si trovava abbiamo cominciato a seguire quelli della Digos. Per lo zio Lenin bah, ora come ora se non mi sbrigo a farmi i capelli posso fare una convincente interpretazione di Sai Baba.

Spillo ha detto...

Macchè gnorri, è che questa volta a seguirmi/ci fedelmente erano i carabinieri (bisogna pur estendere la base dei seguaci), anche perchè stavano dietro a uno dei bimbi del MAL incriminati per i fatti di Pistoia.
Ai bomber rosa proprio non ci stavo dietro, era pieno di bimbine vestite ad hoc per la manifestazione, so assai che Elga si mimetizzava fra loro. Ma fare uno squillino sul cellulare era troppa fatica?

sassicaia molotov ha detto...

@Spillo: Il credito del mio cellulare è attestato vicino a quello di Berlusconi quando dice che sconfiggerà il cancro fino a nuovo stipendio. Comunque non raccontiamolo tanto a giro che siamo stati capaci di non trovarci ad un corteo di poco più di mille persone altrimenti vanno tutti a rifornirsi dal nostro pusher ;-)
(per amor di cronaca voci malevole hanno insinuato che tu fossi andata a Roma alla manifestazione del PdL, certo che i livornesi son proprio suocere)

jesup ha detto...

Car* Spillo,mi sa che, abbinati io e SM avremmo sicuramente più successo come bassista e cantante in una rockband geriatrica che come rivoluzionari,però è sempre un onore essere associati al barbuto tedesco...
PS è confermato Gianni Lannes alla libreria edison per il 27?

allelimo ha detto...

Ehilà io posso portare la chitarra allora? Magari aiuto a scrivere qualche testo polemico... :)

sassicaia molotov ha detto...

@Allelimo: porta un kazoo, per il resto qui c'è tutto.

allelimo ha detto...

Bah, il kazoo non sono capace di suonarlo, con la mia telecaster me la cavo meglio... e poi la custodia può essere utile per ripararmi quando incontro jesup :)

Lindalov ha detto...

ahahah, bello Ugo!

(Bravo Sassi, bravo)

Spillo ha detto...

@Sassicaia: non vorrai mica mi dire che fra te, Elga e il bimbo della Egle nessuno c'aveva du centesimi per mandare un sms?! Anche perchè passi per te e il bimbo in questione, ma una fia che si rispetti, da che mondo è mondo, un sms al giorno come minimo lo manda, e c'ha sempre la riserva per poterne mandare un altro milione al primo maschietto minimamente fattibile che risponde al primo. Ora, o metti in discussione la 'fiità' da Elga (e mi sembra poco fattibile) oppure non hai chiara la relazione fra tastierini
alfanumerici e crampi alle dita.

Passando ad altro: vieni sabato all'Edison, che ci sarà la spiegazione finale dell'arcano "perchè a Livorno ci sono così tante teste di cacio" (è l'effetto mutageno delle radiazioni delle scorie nucleari).
Se ti mando via mail il volantino lo metti qui?



@Jesup: La conferenza di Lannes è confermatissima, ore 17 alla Edison, promossa da medicina Democratica (e da chi scrive, che ospiterà il brav'uomo - non è ancora chiaro se con o senza scorta al seguito). Purtroppo qui non posso allegare il volantino, ma se spargi un pò la voce e porti altre persone interessate mi/ci fai parecchio piacere.
Per quanto riguarda l'asociazione con nonno Carlo... la nostra è l'ultima generazione che ha avuto dei maestri, in gran parte pessimi, a volte solo cattivi,e di fronte ai quale il pover'uomo fa la figura del "vecchietto del far west". Quindi direi che non ci sfiguri affatto! :PPP

SCIUSCIA ha detto...

Stamattina la mia città s'è svegliata tappezzata di manifestini con la faccia di Guido Fawkes (il personaggio che ha ispirato "V for Vendetta", per capirci), con sotto la scritta "non votare".

sassicaia molotov ha detto...

@Spillo: è che proprio non prevedo l'uso del cellulare quando sono nel marasma e comunque tra me, Elga, Sara, Jesup & signora, Ugo & padrone, annessi & connessi s'è dato per certo che se non c'eri vuol dire che eri a Roma perdavvero; colpa tua, vai troppo a giro. Sabato vengo al volo di passaggio perché sono a lavorare nientepopodimeno che per Povia, però un'oretta ce la faccio a stare lì; non ti nascondere nella sezione esoterica così ci si vede.

@Sciuscia: Se era ispirato a "V per Vagabondo" c'avrei messo la firma.