mercoledì 5 gennaio 2011

IN FILA PER TRE




Finite le feste l'anno nuovo riporta tutti ad una realtà che presuppone un 2011 molto interessante.
E per interessante intendo che siamo chiamati a fermare il massacro sociale a cui questo governo sta alacremente lavorando e dal quale i settori vitali del paese sono chiamati a difendersi e/o attaccare.


Quello che siamo chiamati a difendere però non è il solito nostro piccolo orticello, c'è un sistema di pensiero al quale va dato per l'ennesima volta l'assalto.
Quale?
Quello che - a grandi linee - coincide con quello descritto da Edoardo Bennato, che a mio parere era un signor cantautore prima di iniziare a inseguire gol nelle notti magiche.


Altri tempi. Forse.












IN FILA PER TRE


presto vieni qui ma su non fare cosi'
ma non li vedi quanti altri bambini


che sono tutti come te
che stanno in fila per tre
che sono bravi e che non piangono mai

e' il primo giorno pero'
domani ti abituerai
e ti sembrera' una cosa normale

fare la fila per tre
risponder sempre di si
e comportarti da persona civile

vi insegnero' la morale
a recitar le preghiere
e ad amar la patria e la bandiera

noi siamo un popolo di eroi
e di grandi inventori
e discendiamo dagli antichi romani

e questa stufa che c'e' e
basta appena per me
percio' smettetela di protestare

e non fate rumore
e quando arriva il direttore
tutti in piedi e battete le mani

sei gia abbastanza grande
sei gia abbastanza forte
ora faro' di te un vero uomo

t'insegnero' a sparare
t'insegnero' l'onore
t'insegnero' ad ammazzare i cattivi

e sempre in fila per tre
marciate tutti con me
e ricordatevi i libri di storia

noi siamo i buoni percio'
abbiamo sempre ragione
andiamo dritti verso la gloria

ora sei un uomo e devi cooperare
mettiti in fila senza protestare
e se fai il bravo ti faremo avere

un posto fisso e la promozione
e poi ricordati che devi conservare
l'integrita' del nucleo familiare

firma il contratto e non farti pregare
se vuoi far parte delle persone serie
ora che sei padrone delle tue azioni

ora che sai prendere le decisioni

ora che sei in grado
di fare le tue scelte

ed hai davanti a te
tutte le strade aperte
prendi la strada giusta e non sgarrare

se no poi te ne facciamo pentire
mettiti in fila e non ti allarmare
perche' ognuno avra'
la sua giusta razione
a qualche cosa devi pur rinunciare
in cambio di tutta la liberta'
che ti abbiamo fatto avere

percio' adesso non recriminare
mettiti in fila e torna a lavorare
e se poprio non trovi niente da fare

non fare la vittima
se ti devi sacrificare
perche' in nome del progesso
della nazione
in fondo in fondo puoi sempre emigrare

4 commenti:

Spazzolone ha detto...

famòse male!!

sassicaia molotov ha detto...

Io non penso mica ad altro.
Come si devono sentire quelli che hanno dei figli.
Mamma mia.

Chica ha detto...

Perfetta, come inno nazionale di questo governo del "fare".....

Ettore Aldimari ha detto...

Si, ma dopo le notti magiche poteva riprendersi. Invece è decaduto.