venerdì 28 ottobre 2011

SOLO UNA FERROVIA

Fin qui tutto bene all'ex-caserma Del Fante occupata.
E benissimo è andato il presidio al centro per l'impiego dopo un annuncio di una ditta in cerca di persone "inclini alla subordinazione", notizia ampiamente ripresa da altri blog.

Fine dello spot.

Oggi c'è stata una assemblea per discutere del 15 ottobre ma sono a casa con un principio di febbre e se domani voglio uscire meglio che me ne stia tappato; però sarebbe interessante capire.
Perché come scrissi in precedenza ero parecchio interessato a quello che sarebbe stato il 16 ottobre e il 17 e così via.
Siamo al 28.
E dal 15 al 28 è successo che licenziare sarà più semplice, perché si sa che nel capitalismo il concetto di sviluppo e togliere soldi a chi ne ha pochi e metterne in mano a chi ne ha già; è successo che una pacifica manifestazione NO TAV ha provocato scomposte rosicate da parte di "Repubblica" e "L'Unità" (favoloso per quest'ultima il titolo "il cantiere è rimasto inviolato"). E' successo che il patetico circo che al momento governa questo paese ha continuato a dare spettacolo a modo suo, cioè con la solita arroganza e la solita volgarità alle quali col cazzo abbiamo intenzione di abituarci. E succede che in quanto ad arroganza e volgarità il segretario della sedicente opposizione cominci a tentare di emulare i dirimpettai di emiciclo.
Cioè, che la posizione del PD sulla TAV fosse chiara, una volta tanto e guarda caso, non è cosa nuova; ma una simile compilation di stronzate da parte di Bersani è ben più che un campanello d'allarme.
E' solo una  ferrovia. Si parla di treni.
Come magari in Liguria si parlava di case. O sarcazzaltro fatto di cemento.
A questi del nostro territorio, della nostra terra, non gliene frega una turbominchia. Uscirsene con frasi del genere due giorni dopo che mezza Lunigiana è venuta giù e due paesi delle 5 terre sono in ginocchio, questa è arroganza, questa è volgarità, questo è pensare solo alle proprie mazzette.
E significativa è la sbroccata di tal Esposito che dopo la puntata di "Mi manda RAI 3" conclusasi con il solito risultato di ogni volta che i SI TAV espongono le loro ragioni, cioè con un bagno di sangue per gli stessi, parla di "agguato" e dà lezioni di democrazia degne di uno che la parola "democrazia" l'ha imparata leggendo un biglietto scartato dai Boeri.
I poveretti sanno benissimo che noi sappiamo, che il movimento sa, che i valligiani sanno. E l'unica arma che rimane loro per imporre quella cosa non solo inutile ma dannosissima sono i soldi con cui vogliono riempirsi le tasche.
Come se non avessimo già visto questo film qui a Livorno con il nuovo Ospedale, ad esempio e tanto per puntualizzare che sia piccola o grande scala, per loro l'importante è fare cassa per se.
E quando qualcosa va storto, come nel caso della discarica di Limoncino invece di ricorrere ad un seppuku di massa come sarebbe normale, strepitano dalle colonne del giornalino locale. Suscitando risate crasse, che almeno attutiscono il dispiacere di non vedere questi signori testare le comodissime celle delle Sughere. Come sarebbe normale che sia.

Detto ciò siamo al 28.
E la mia impressione è che la protesta sia implosa dopo il 15 ottobre e che stiamo qui a tirarcela.
Come la penso l'ho scritto più e più volte.
Sono orgoglioso dei ragazzi della mia città, studenti, precari e disoccupati che due giorni dopo i fatti di Roma hanno ridato alla gente del quartiere uno spazio, e che spazio, lasciato nella più totale incuria per 7 anni, ma siamo ancora alle schermaglie. Ho constatato di persona ad esempio quante richieste di aiuto hanno avuto i ragazzi proprio da chi ha bisogni ai quali la politica non vuole, non sa e non dà risposte.
Qui c'è da cambiare un sistema, non solo un governicchio di mediocri ed incapaci, nonché di ladri e mafiosi  quale è quello italiano.
E non vorrei che siamo ancora all'ormai stereotipato: "Manca l'analisi, compagni".
Come ho già comunicato su altro blog i primi sampietrini sarebbero per loro perché non c'è più un cazzo da analizzare, c'è solo da andare a riprenderci il nostro, e alla svelta perché come ho già avuto modo di ricordare questi qua non fanno passare un giorno senza fare altri danni.
E restare fermi al 15 ottobre non è solo inutile. E' criminale. E di criminali bastano ed avanzano quelli che stanno sui seggioloni.

Compresi quelli per cui la TAV è solo una ferrovia.



10 commenti:

Inneres Auge ha detto...

"Sono orgoglioso dei ragazzi della mia città, studenti, precari e disoccupati che due giorni dopo i fatti di Roma hanno ridato alla gente del quartiere uno spazio, e che spazio, lasciato nella più totale incuria per 7 anni, ma siamo ancora alle schermaglie. "

Questo vuol dire che c'è chi agise. Un barlume di speranza (termine che non mi piace molto) che viene costruita mano a mano.
Hai ragione, c'è un sistema da cambiare eppure sono ancora in tanti a credere che "fuori berlusca risolti tutti i problemi".

E come hai detto tu la manifestazione dei NO TAV non ha portato a niente... siamo un paese in cui c'è sempre bisogno del colpoi ad effetto mediatico per far sì che qualcosa cambi. O che si tenti di cambiarla.

Piove e interi paesi volano via come se fossimo in India nella stagione dei monsoni. E poi il coro di "non doveva succedere"
Se ci pensi, una volta erano gli agricoltori a pulire perché facevano le sistemazioni sui monti e non acadevano i disastri oppure erano limitati. Ora gli agricoltori non ci sono più se non qualche macedone dedito alla pastorizia. NOi preferiamo stare in coda per comprare un iphone. Una volta non c'era la cementioficazione selvaggia. Ora siamo immersi nei frutti del capitalismo sfrenato, del consumismo al top. Ci meravigliamo quando un disastro annunciato si verifica.

Fa il terremoto e scopriamo che gli edifici erano in una zona non edificabile.

sassicaia molotov ha detto...

@Inneres auge: sei in formissima, come vedo anche dal tuo blog. O ti è successo qualcosa di stupendo o sei incazzato nero. ;-)

Humani Instrumenta Victus ha detto...

"Un governicchio di mediocri ed incapaci, nonché di ladri e mafiosi quale è quello italiano". Senza contare quelli che oggi si saranno commossi al ricordo di quel 28 ottobre là...

Dea ha detto...

Sassi, elloso che tu guardi avanti e otre.. ma forse devi stare un po' dietro a chi pensa che in questo governicchio ci sta pure un'opposizione che potrbbe sostituire o chi, pensa che, una volta cambiato sto governicchio non si saprebbe chi mettere... sistema? spiegalo, non sopravvalutare.

Approposito di costruzioni: Roma è diventata un laboratorio lego. uno schifo. non solo sti zozzi mafiosi costruiscono, ma costruiscono palazzoni... laurentino 38 del 2000 e costano centinaia di migliaia di euro e la GENTE COMPRA CARO Sassi.

Dea ha detto...

ps. una volta si ricambiano i voti della mafia con la tav... qualche altra si paga il vaticano con la pllola abortiva o i finanziamenti alle scuole cattoliche o esonerandoli dal pagamento ici perchè chiude un occhio sulle orge dei nostri piselli piccoli politici. insomma non gli basta a questi gargarozzoni lo stipendio di platino. bho. io li voglio vedere zappare merda.

sassicaia molotov ha detto...

@Dea: beh, il sacco di Roma è iniziato tanto tempo fa, si sta solo adeguando ai tempi; E i palazzinari mi risulta avessero gli stessi cognomi di adesso, nonché i loro sodali in tonaca, dio li strafulmini.
C'è un salto che bisogna fare assolutamente nelle coscienze. Quello per cui se dobbiamo essere governati ed amministrati così meglio organizzare un sistema dal basso ed andare a prenderci il palazzo. Posso anche dettagliare ma ora c'avrei un pò di botta. Comunque tanto per essere di nuovo sintetici, seminare è quello che c'è da fare e si può seminare in tanti modi ;-)

suzie ha detto...

essì sono sempre gli STESSI COGNOMI. mi sa che ci sta pure QUASI un quartiere con uno di quei COGNOMI.

be' dettagliamoci, perché il palazzo lo prenderei anche se dovessi solo ripulirlo con l'ammoniaca e sapone di marsiglia, sono maniaca.:D

seminare? sognatore! :***

Dea ha detto...

ps. suzie alias Dea. :D

sassicaia molotov ha detto...

@Dea: Ho avuto un sospetto ma avevo dato la colpa al filtro troppo largo.

Dea ha detto...

ahahahahah! la febbre ti toglie le forze?? stringi il filtro e passaaaaaaaaaaaaaaaaa! :)