lunedì 3 ottobre 2011

ULTIMA CHIAMATA

Ok, non dovrei nemmeno farlo questo post.
Ma la mia componente utopista che mi ha portato nel corso della vita perlopiù in situazioni simili a quanto successo al povero Sisifo non sa trattenersi neanche stavolta.
So che c'è tanta brava gente che vorrebbe sinceramente cambiare le cose ed in ragione di ciò non vede l'ora di catapultarsi nella cabina elettorale brandendo una matita per mettere una bella croce sul simbolo del PD.

A loro vorrei rivolgere un appello.

NUN CE PROVATE, ORCODDIO!

Capisco che la natura strutturale prettamente democristiana del partito, il suo rincorrere col fiatone ogni genere di elettorato moderato, le sua avances continue e reiterate alle gerarchie cattoliche, i suoi interessi con certa imprenditoria per niente illuminata e la completa incapacità di prendere una posizione decisa in ragione di un programma ricordi le teporose stagioni pentapartitiche quando essere un contestatore significava "porsi fuori dalla storia" e di conseguenza siano un fattore ammaliante per chi ama discettare di politicamente corretto, di lotte per i diritti e di dignità del lavoro standosene comodamente seduto su un divano B&B con un White russian in mano. Ma qui i tempi sono cambiati. E sarebbe il caso che anche dei Guerrieri del Valium come voi elettori del PD cominciaste a fare quattro passi nel mondo reale.

Innanzitutto la ricerca effettuata da openopolis

Provate a giustificare questa, possibilmente senza farmi ridere perché le labbra screpolate fanno apprezzare di meno il Greco di Tufo.
Quando le cifre reali son lì, nero su bianco ed inchiodano spalle al muro milioni di parole tirate fuori a vanvera dai papaveri piddini, ci vogliono argomenti ben più convincenti di quelle ascoltate finora se ci si vuole presentare come un'alternativa al presente regime senza suscitare un concerto brandemburghese per pernacchie e scoregge in Fa# allegretto vivace con brio andante e con finale a calci in culo.

Perché quando si guardano tabelle come QUESTA viene da chiedersi innanzitutto se veramente pensavate di far parte di un partito d'opposizione. Ed in quel caso possiamo contattare delle strutture di sostegno che possono pian piano agevolare il vostro reinserimento nella società reale, quella dove vivono quelle persone che ancora non si sono fatte fregare le parole e credono che "libertà" associato al partito del Buffo Omino di Arcore sia semplicemente una fregnaccia ad uso dei tonti, che "Radio Londra" con Ferrara che parla meriti un bombardamento dalla RAF direttamente sugli studi televisivi da dove trasmette il Falsomagro e che "opposizione" in bocca a qualsiasi politico PD abbia lo stesso effetto della parola "tolleranza" in bocca a Borghezio.

Questo mentre il partito ha tentato una campagna di marketing sfoderando via via il "nuovo" (Serracchiani) ed i "rottamatori" (Renzi e Civati) col risultato di continuare a vedere in giro le solite facce di Veltroni, D'Alema, Bersani, Letta e Finocchiaro.

Ora,  considerato che fondamentalmente anche gli zerri del Molonovo hanno capito che nessuna lotta al precariato  partirà dal PD, che nessuna lotta contro la privatizzazione dell'acqua partirà dal PD (penosi, patetici e pure un pò infami in occasione dei referendum, piace sottolinearlo), nessuna lotta contro la deregolamentazione sulla costruzione di discariche, inceneritori e qualsiasi altra opera inutile se non ai soliti intrallazzatori  (TAV su tutte) partirà dal PD, che nessuna lotta per il riconoscimento dei diritti per le persone GLBTQ partirà dal PD, che nessuna lotta per l'autodeterminazione delle cure e per il testamento biologico partirà dal PD, che nessuna lotta per una legge sul conflitto d'interessi che eviti un prossimo Buffo Omino partirà dal PD, che nessuna lotta contro i Marpionne partirà dal PD, che non partirà dal PD nessuna lotta per la depenalizzazione delle droghe leggere che tengono in carcere migliaia di persone assolutamente innocue mentre.....riandate a vedere sulla tabella che leggi di merda avete contribuito a far passare.....ecco, quello che sarei curioso di sapere é: COS'E' CHE GIUSTIFICHEREBBE IL FARVI CHIAMARE OPPOSIZIONE?

C'è - pare - una lettera che a giudicare dall'articolo di Paolo Flores D'Arcais  potrei aver capito essere un falso. QUESTO falso.
Ora, avrete un minimo di cognizione dei danni fatti da quest'uomo ogni volta che una sfortunata ed improvvida congiunzione astrale provocava una sua uscita. Una a caso delle sue, una "lettera aperta", un accorato appello, un monito. Bastava aprisse bocca.
Siamo in parecchi ad avere un'altra concezione del termine "laico".
Chi mi garantisce che grazie ai vostri Liderz Nulli non dobbiamo ritrovarci a difendere ancora una volta la 194, tanto per dirne una? Ma non avete ancora capito che i vaticani coi vostri culi ci si puliscono il cazzo dopo averlo abbondantemente e con gran soddisfazione fatto girare nelle sue sedi di competenza, quindi i grandi industriali, i potenti, i fascistoidi e rannata del genere. E' così da 2000 anni, ce ne ha messi meno la Chiesa a capire che la terra non è piatta. Se volete anche solo avvicinarvi alla parola "sinistra" siete lì per fare altro, desiderare altro, combattere per altro. Ma poi. Almeno aveste fra le vostre fila qualche personalità intellettuale di una qualche credibilità vecchio stampo, che so, un Bobbio, capace almeno di muovere il dibattito su livelli più alti di "la sinistra col tacco 12", macché. Bisogna aggiornare il repertorio di Rutti Molesti all'indirizzo del Solito Uolter, l'Uomo che il giorno che il PD raggiungerà nei sondaggi la maggioranza assoluta dichiarerà ad "Avvenire" di essere la reincarnazione di Maometto e che ci farà un culo così.

Allora: guardando la situazione in modo lungimirante ed ottimista, omettendo gli Ichino ed i Chiamparino, mi fareste il piacere di specificare dove state andando? Perché tutti quelli che vedrete in piazza incazzati nei prossimi mesi, quelli che avete trattato da facinorosi estremisti antistorici e principali alleati del berlusconismo non vedono l'ora di indicarvi la Via,

Fra due colline dalla vegetazione rada, declinanti in un pendìo ripido ma via via più fitto e che termina con una voragine ornata di piccole increspature e che si chiama BUCO DEL CULO.

Lo sapevo che non dovevo farlo questo post.

10 commenti:

Humani Instrumenta Victus ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Humani Instrumenta Victus ha detto...

Travolgente!
(secondo me Letta fa dichiarazioni in TV o sui giornali solo dopo aver ottenuto l'imprimatur dallo zio)

sassicaia molotov ha detto...

@HIV: Credo sia più di una ipotesi. ;-)

Dea ha detto...

me perché leggerti provoca in me una certa SODDISFAZIONE, se fossi maschio avrei una turgida erezione. dici che hanno capito qualcosa sti vermi più vermi degli altri vermi?
buona giornata, credo di avere il dovere di linkare questo post, oggi.

la Volpe ha detto...

condivido il messaggio più che abbastanza, ma tu spiegalo ai sessantacinquenni che hanno votato pci dal 1968

primo commento qui, magari ti tornerò a trovare

mi ha impressionato il tuo discorso sull'ammmmore sul blog di violetpussy e son passato a vedere chi c'era dietro, anche se in genere ti vedevo commentare da sciuscia

ciao

Ernest ha detto...

Vero tutto quello che hai detto e sottoscrivo l'invito finale.
Condivido anche quello che dice Volpe
un saluto

sassicaia molotov ha detto...

@Dea: provo a leggerlo ad un concerto sperando in un effetto di messa ;-)
E, non credo la capiranno; secondo me si son semplicemente fatti i loro calcoli.

@La Volpe: mia madre ha 75 anni ed ha votato socialista fino a quando è apparso Craxi. Poi non so. Vedo solo che brontola davanti alla TV cacciando epiteti terribili in romanesco ogni volta che appare un politico. Comunque hai ragione, credo che gli anziani non abbiano ben chiaro cosa sia veramente cambiato nella politica rispetto a 40 anni fa.

@Ernest: e continuiamo a non avere una colonna sonora adeguata ;-)

sassicaia molotov ha detto...

Nella risposta a Dea volevo scrivere di massa, poi ripensandoci potrebbe andare bene anche così.

Spazzolone ha detto...

tanto....

Roby Bulgaro ha detto...

E pensare che c'è, e sono molti, chi si ostina a chiamarla sinistra.