venerdì 11 settembre 2009

E ALLORA MAMBO


Dicono stia per cadere.

Bah.

Io finchè non lo vedo a piantare traversine di ferro ghisato sulla tratta Odessa-Ulan Bator rimango scettico.

Ma vediamo, anche se fosse, cosa potrebbe succedere.

Intanto lasciatemi dire: vedo già (ad esempio, sul forum dell'Unità) sedicenti "elettori che hanno sempre votato a sinistra" con la bava alla bocca pronti a votare il nuovo partito di Fini.

Vorrei consigliare caldamente codesti signori che nel frattempo possono prendere una tessera ad hoc per quelli come loro, sempre disponibile dalla notte dei tempi: quella degli infami.

che una non esattamente sparuta schiera di "comunisti" e di "elettori di sinistra" fosse in realtà una massa di caproni che non mi degno neanche di chiamare fascisti (non scherziamo, al loro cospetto i veri fascisti sono persone serissime) pronti a ridipingere le loro bandiere al primo girar di maestrale è non un sospetto ma una certezza che mi porto dietro da una trentina d'anni.

Nientepopodimeno che.

E la conferma che non ho solo ragione ma ragionissima l'ho avuta quando è iniziato il fenomeno degli "operai che votano Lega". Cioè un partito che per 70 milioni s'è venduto canottiere comprese ad un mafioso piduista.
Gente che ha beneficiato di diritti sul lavoro grazie alle lotte che altri operai, negli anni '50 e '60 hanno conquistato pagando anche con la vita e quindi votava "a sinistra" perchè pensava che sarebbe stata quella la parte che avrebbe loro riempito il portafogli.
Quello loro, non quello di tutti.
E bastava farsi qualche anno in fabbrica o in qualsiasi luogo di produzione per capire che c'era qualcosa che puzzava, e puzzava forte.
Quando il Partito s'è sfaldato, quando i sindacati sono diventati i passacarte dei padroni, quando c'è stato bisogno di rimboccarsi le maniche e prendere per il colletto una classe dirigente di partito e di sindacato che ormai era attenta solo alla gestione dei miserabili santuari di potere conquistati anche grazie al sangue di quei proletari, eccoli i nostri eroi saltare in groppa al primo movimento populista, razzista e xenofobo che sale sul cubo di cartone ad arringare le folle con lo scolapasta in testa.

Complimenti, grande dimostrazione di coscienza di classe.

Ora c'è Fini, "uno serio".

E ovviamente parte la corsa al nuovo carretto, con l'immancabile Genio del PD, il PISANO (eh, scusate ma da livornese certe puntualizzazioni non posso non farle) Letta che parla subito di dare "una sponda" a Fini.

Perchè lui è "uno serio".

Bene, credo non ci vogliano tante elucubrazioni per teorizzare che in caso di detronizzazione del puttaniere di Arcore ed in caso di rimpasto del PdL che fu la prima tavola ad essere imbandita con tanto di forchette lustrate e piatti d'argento pronti a raccogliere i resti di questo disgraziato paese sarebbe quella del Vaticano.

Cioè di un'istituzione religiosa in irreversibile declino, antidemocratica anzi assolutista, nonchè la peggior idrovora di danaro pubblico mai vista a memoria d'uomo, la peggior istituzione plagiatrice di menti, roba che le TV di Berlusconi diventano al loro cospetto una televendita di sacchetti di lupini.

Ci hanno pensato i signori "elettori che hanno sempre votato a sinistra"?

Davvero sarebbero così pronti a saltare sul carro di Fini MA ANCHE di Buttiglione, di Cuffaro, di Casini-Family-divorced -day, di La Russa, di (muahahahahaha) Gasparri?

E Letta, invece di dare un'identità al partito, che sponda vuole offrire a Fini?
Ci vuole spiegare, ad esempio, da SUBITO e senza giri di parole che ne sarebbe della scuola pubblica e del diritto allo studio?
Dovremo iscrivere i nostri figli alla Scuola Confessionale Pubblica o a quella Confessionale Privata?
Le donne dovranno tornare ad abortire coi ferri da calza o con lo sturalavandini?
La ricerca sulle staminali prevederà per gli scienziati il rogo o semplicemente l'esilio forzato?

E allora: fermi tutti.

Lasciamo spurgare questo barnum.

Fino in fondo. L'avete voluta questa merda, sarà bene che la ingoiate tutta, fino in fondo.

Se qualcuno volesse fantascientificamente ricordarsi che esiste la possibilità di essere un paese civile ricominci a considerare l'incredibile possiilità che esistono dei valori, che esiste una cosa chiamata coerenza, che esiste una crisi che sta chiamando in causa tutti e che solo noi cittadini con le nostre istanze ed il recupero della nostra dignità di lavoratori, di individui e di cittadini di una comunità possiamo dare una sterzata a questo andazzo che ci sta facendo precipitare in una condizione per cui anche i paesi del terzo mondo cominceranno a schifarci.

Quindi che la musica non si fermi.
E allora mambo.


P.S. Odo da sinistra (RC, SD,PCDI, SC, SL, PCDLI la lista completa è scaricabile da Emule per un totale di 174Gb, quindi ripulite l'hard disk se avete intenzione di consultarla) segnali di rivolta. Qualcuno deve aver comprato la Playstation nuova.

1 commento:

Furio Detti ha detto...

che dire? hai già scritto tutto tu.